Ospedale

Gran parte del lavoro dei clown dottori della Carovana dei Sorrisi avviene nella cameretta di degenza in un rapporto di visita, con una dinamica d’azione simile a quella dei sanitari di reparto.
Tranne casi di emergenza, si opera sempre in coppia in un meccanismo assai collaudato che consente di essere realmente attivi e terapeutici non solo nei confronti del piccolo ricoverato, ma anche dei genitori e del resto del reparto perché spesso, alla paura dei piccoli degenti, si unisce anche l’ansia e l’angoscia dei genitori in una spirale che si autoalimenta.

La figura del clown dottore, relazionandosi anche con le figure di riferimento dei piccoli, è così in grado di stemperarne l’ansia e far defluire lo stress del ricovero. Non casualmente la sola presenza dei clown dottori è in grado di mutare radicalmente l’atmosfera dei reparti d’ospedale.

Anche il personale sanitario riceve beneficio dal suo servizio, oltre che direttamente (il clown dottore della Carovana dei Sorrisi sa interagire con gli adulti per stemperarne lo stress da lavoro) anche indirettamente poiché, facendo calare i livelli dell’ansia, facilita il rapporto terapeutico dei sanitari con i piccoli pazienti.

OSPEDALI IN CUI LA CAROVANA DEI SORRISI OPERA:

Ospedale “Bambino Gesù” di Roma:

  • Reparto di Oncologia (in collaborazione con l’Associazione “il Girasole”)
  • Reparti di Ematologia e M.I.T.A. – Modulo Interdisciplinare Terapie Avanzate (in collaborazione con la Fondazione Aldo Garavaglia “Dottor Sorriso” Onlus)

Ospedale “Monaldi” di Napoli:

  • Reparti di Cardiochirurgia Pediatrica e Terapia Intensiva (in collaborazione con la Fondazione Aldo Garavaglia “Dottor Sorriso” Onlus)